Uncategorized

Una canzone per me …

Era Maria, solo un bel nome femminile.

Può significare solo questo per gli altri.

Lei era Maria, è molto altro per me.

Perché per me è stato l’inizio.

 

La parola “amore” è un mondo strano.

Io ho solo indovinato cosa poteva essere.

Ha dissolto tutti i miei dubbi

È stata Maria a guidarmi lì.

 

Era Maria con i suoi lunghi capelli setosi.

Il biondo sole stava giocando con il vento.

Era Maria, il suo viso è solo un ricordo

che sfida il passare del tempo.

 

Non so cosa mi porterà il futuro.

Forse molti anni felici, o un po’di grigio solitudine.

Qualunque cosa accada, lo terrò sempre tra i ricordi: il nome e il colore dei capelli.

Il suo nome e il colore dei suoi capelli.

 

Uncategorized

Eccoti

Ed eccoti nuovamente. Dopo mesi e mesi di silenzio, ho pensato che finalmente mi sono liberata di te e la tua dolorosa assenza. Lo so. Era meglio così! Ma ora che sei ricomparsa, la certezza che senza te era più comodo e sicuro, crolla improvvisamente. Il rumore è assordante. Il crollo e tanto doloroso, quanto la consapevolezza che mi appartieni. Sei sotto la pelle, dentro il cuore e nella testa. Lasciami … non puoi avermi e non potrò averti più. Troppo tardi per noi. Magari in un altra vita …

 

Here you are

And here you are again. After months and months of silence, I thought that I finally got rid of your painful absence. I know. It was better that way! But now that you’ve reappeared, the certainty that without you it was more comfortable and safe, it suddenly collapses. The noise is deafening. The collapse is so painful, how evident it is that you belong to me. You are under the skin, inside the heart and in the head. Leave me … you can’t have me and I can’t have you more. Too late for us. Maybe in another life …

Uncategorized

Giorno no …

Così mi sono ridotta. Vedere qualcuno felice, mi inorridisce. Una sensazionale autocontrollo mi aiuta di far parte di questa società dei falsi altruisti. Il perbenismo che ci circonda fa venire la nausea. Siamo avvoltoi in un mondo di squallidi moralismi. Siamo a ricerca di tragedie per poter dimostrare di essere gente pronta ad aiutare il prossimo. Pronti a giudicare e rifiutare i nostri giudici. Coda di paglia. Mah … chiamate come vi pare … siamo nella stessa barca. E poi ci sentiamo in colpa. Righiamo dritti e va meglio. La coscienza si bilancia. Ho fatto questo ma ho fatto anche quello, quindi sono a posto. La cosa più brutta che non importano le mille cose buone che facciamo, ci sarà sempre qualcuno dietro l’angolo che trova un errore, una piccola distrazione e fa crollare tutto quello che abbiamo costruito. E quando succede, ci sentiamo sopraffatti e delusi. Tanta strada fatta e un passo falso rovina ogni cosa. Veniamo crocifissi e maledetti. Veniamo fatti a pezzi. I più forti si alzano. Ci riescono e riprendono la loro strada, altri, si fanno sopraffare ed annientare dal fallimento. La crudeltà della nostra era è mostruosa. Ormai resta tutto su i social. Siamo arrivati a cyber bullismo!!! Tempo fa avevamo le palle a rompere le scatole personalmente. Avevamo i nostri nemici, ci si sistemavamo le cose a faccia faccia Adesso ci nascondiamo dietro la tastiera, dietro vite e nomi inventati. Che squallore. Giornataccia.

Uncategorized

Io

Ho vissuto tante cose. Non troppe, ho ancora tanta strada da fare. Ma è la mia vita. Vorrei descriverla in una sola parola. La prima che mi viene in mente:

” insignificante “.

Sarò ingrata a sentirmi così. Di accontentarmi ho imparato in fretta. La mia educazione mi fa sì, che io ringrazi per le cose che ho. E io ne sono grata per ogni briciolo di felicità. Ogni cenno di appagata e fuggente momento in cui mi sento completa. Ma la sensazione tanto desiderata è breve e fa venire sete, dipendenza di averne ancora e ancora.

Cosa mai mi mancherà? Cosa mi sfugge tra le mani in questo squallido desiderio di essere in un altro corpo, in un altro posto … in un altra vita. Di qualcuno meno insignificante di me.

La sensazione di vuoto in quale mi sono abbandonata, è reprimente. Avvolte penso che non c’è soluzione è dovrei, semplicemente sparire. Qualcuno dice depressione, altri, credono pigrizia … molti, quelli più ottimisti, definiscono stanchezza.

Io chiamo insoddisfazione.

E non passa.

Poesia

Follia pura

Un ragazzo, come gli altri

sognò in grande,

amò la vita.

Giornata storta o

mente malata volle

un atroce rovina.

Quella rabbia folle, o

rassegnazione portò

ad un estremo gesto

e la lama puntò

alla gola di un

anima innocente,

di quale l’unica colpa fu

di essere sorridente.

Non sopportò  il 

proprio fallimento.

Tra le vie di Torino

commise tale scempio.

Dolore straziante e

assenza del senso

nel portarci via

un caro ragazzo.

RIP Stefano

 

Poesia

Amanti

Immagine correlata

 

Vagavamo con fiducia senza età,

fuggendo lieti dalle responsabilità.

Poi per crollarci davanti al nostro intento,

due codardi amanti, un vero tormento.

Volevamo troppo ma nulla è rimasto,

solo la voglia di quel bacio nascosto.

Desideri, memoria, dolore è casualità,

mischiati per un momento di sazietà.

Poesia

Confusa

Risultati immagini per confusione

Sei come un ramo sussurrante, t’inchini su di me.

Asilo mi dai, sospiro tra mille guai.

Ma la tua guerra interna mi fa paura.

Tra rabbia e dolore non usi misura.

Risollevi, poi mi scaraventi via,

da un celo assolato togli magia.

A momenti calmo sei e rassicurante,

all’improvviso sai di furia irritante.

Eppure, questa foga, è pura passione,

l’ira ardente di uno strano amore.

Poesia

Ricordo

Risultati immagini per ricordi

Si avvicinava e sentivo il suo profumo.

Aveva l’essenza dei ricordi di innocenza.

Sapeva di vento che porta con sé la pioggia.

Era l’acqua di un lago tra i ghiacciai.

Solo vette e cime, eravamo soli oramai.

Mi sentivo uno stanco vagabondo,

senza la certezza che arrivi un altro giorno.

Ma il suo inebriante profumo,

spazzava via ogni mio dubbio.

Sapeva proteggermi eppure mi ha persa,

non era capace amare, mi ha fraintesa.

Io lo volevo con me,

lui cercava le catene per legarmi a sé.

E adesso di lui mi è rimasto un dolce profumo,

e il ricordo amaro di un amore perso.

Pensieri

Libertà

Risultati immagini per LIBERTA DISEGNO CON CARBONE

Abbiamo perso entrambi. Io la fiducia e tu me. Molte volte mi hai cercato e deluso. Troppe volte sei stato perdonato. Eppure adesso ci sono io per me e sto bene anche senza te. Ho cancellato le tue impronte. Inseguo un futuro oltre l’orizzonte. Dove l’occhio non ci arriva più. Solo con il cuore puoi vedere lassù. E la testa onora questo trionfo. Anche questo muscolo scalpitante ha capito dentro, patire per te è sprecare soltanto del tempo.